Liberi! n.67

Evviva la chat anti Covid: quando un sms tra ricette e musica ci dona il sorriso

Un fatto è certo: nulla è e sarà più come prima. E per molti versi sarà meglio di prima. Il vero e proprio tsunami Covid ci ha cambiato la vita: dall’allarme generale innescato nel febbraio 2020 al semi-liberi tutti dell’estate scorsa. Poi il ritorno della crescita contagi nell’inverno e primavera 2021; infine la partenza dell’operazione vaccinazioni, le mille incertezze legate al tipo di vaccino inoculato e le polemiche, tra Astra Zeneca, Pfizer, Moderna o Johnson.

Speriamo ora che, con la campagna vaccini estesa a tappeto e il caldo estivo che aiuta l’estinzione del virus, l’allarme possa rientrare. E che d’autunno non si parli più di percentuale contagi, fattore Rt o altro. Un linguaggio tecnico e mille interpretazioni che ci fanno solo infruscare. In mezzo a questa multiforme Babilonia, c’è un elemento che ci ha accomunato: la voglia di non perdersi di vista, restare in contatto tra Parkinsoniani e i parenti, gli amici e chi ci segue. Tutti connessi e collegati. Insomma, è emerso, irrefrenabile, il forte desiderio di COMUNITÀ.

Se la seconda ondata pandemica ha inciso su di noi, provocando disorientamento e sete urgente di vaccino, è anche vero che ci siamo industriati per capire come non rimanere soli, isolati, esiliati. Un’idea semplice e geniale per i soci dell’Associazione Parkinson Insubria è stata la Chat su WhatsApp – chiamata “Attività AsPI BIS” – che ci ha fatto sentire solidali. È innegabile, la vita insieme è fatta di abbracci, baci, dialogo e parola in presenza, azioni concrete guardandosi negli occhi. Ma se costretti per qualche tempo all’isolamento coatto, con mascherina appiccicata sul viso, pena l’incombente contagio, allora anche un computer o un cellulare può servire per tenersi un po’ su. Così se ti arriva su WhatsApp la ricetta della crostata di frutta, del plum cake ai mirtilli o un buon consiglio per preparare i tortelli di zucca con la dose corretta di amaretti, la probabilità e altissima che torni il sorriso sul viso di nonna Francesca, papa Massimo o del nipotino Alessandro…

E quando una giornata inizia storta, con l’umore sotto i tacchi, cosa c’è di meglio che una serie di musiche che ti arrivano dagli amici veri dell’As.P.I. sul telefonino?

Stupende ed apprezzate le proposte dei brani in MP3 come i 21 notturni di pianoforte di Fryderyk Chopin (meravigliosa preparazione al sonno) o i brani romantici della serie “musica per sognare”, tutti proposti – con oculata posologia – dal nostro sapiente musicologo Mario Pennisi… Si va da Anonimo Veneziano

a Moon River, da Image a Michele dei Beatles, dai brani mitici di Frank Sinatra, Barbra Streisand, e i classici interpretati dalla voce di Pavarotti, Bocelli e da Francesca Lombardi Mazzulli, brani stupendi eseguiti dai nostri amici violinisti Guido e Giulia Rimonda e Francesco Postorivo.

Tutti abbiamo capito che quando la società soffre, subito ciascuno si spaventa, tende a chiudersi, ma subito dopo ad aprirsi e a fare cerchio, a trovare soluzioni rapide, concrete, efficaci.

A partire dalla coppia e dalla famiglia: tutti abbiamo innescato un circolo virtuoso chiamato Comunità, per capire come condividere il disagio, aiutarci nell’uscita dal tunnel e ripartire insieme con uno spirito rinnovato e metodi evoluti. Ecco perché nulla e sarà più come prima. E per molti versi sarà meglio di prima, se sapremo proseguire nel nuovo metodo, integrandolo con il dialogo in presenza e il contatto personale.

Dalla direzione e redazione di LIBERI!, dal consiglio direttivo dell’Associazione Parkinson Insubria Varese odv un AUGURIO di un’ESTATE di gioia vera e condivisa.

Liberi! n. 67

Sole d’Oro 2020 – premiazione Kicca Ferrario

Ancora una volta As.P.I. è stata premiata col Sole d’Oro, che viene ogni anno consegnato dal CSV di Varese a persone che si sono distinte per la propria attività di volontariato.

Quest’anno a ricevere il premio è stata la nostra Kicca, alla quale vanno le nostre congratulazioni ma soprattutto il nostro ringraziamento!

Di seguito potete ascoltare l’intervista a Kicca fatta in occasione della premiazione:

Liberi! n.66

Ritrovare il senso della comunità, dai giovani, alla coppia e famiglia. Come sarà il dopo-Covid?

Il recente rapporto del Censis sulla situazione sociale ha sintetizzato il terribile 2020 che si sta concludendo come l’anno dove il virus Covid ha innescato paura, quella sul futuro dove, a dispetto delle rassicurazioni
istituzionali, gran parte delle persone si vede dentro un tunnel da cui ancora non si riesce a scorgere l’uscita… LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Continua a leggere →

Sospensione delle attività per due settimane

Carissimi Soci,

in considerazione delle nuove disposizioni urgenti per la prevenzione della diffusione del Covid-19 (D.P.C.M. del 24/10/2020 e ordinanze regionali del mese di ottobre c.a.) ritengo opportuno sospendere le attività di AsPI per due settimane a decorrere da oggi.

Farà seguito una nuova comunicazione per il ripristino delle attività se nel frattempo la situazione dovesse evolvere positivamente.

Vi invito a proseguire con l’esercizio motorio quotidiano e mi impegno, con l’aiuto delle Vostre insegnanti, a trovare un modo semplice per fare attività di gruppo anche a distanza.

Non esitate a contattarci telefonicamente  (327 2937380) o per posta elettronica (info@parkinson-insubria.org) per qualsiasi ulteriore informazione o necessità.

Arrivederci a presto,

Margherita Uslenghi

Presidente As.P.I. Varese Odv